artisti

Brave New Alps


Gruppo costituito da Bianca Elzenbaumer e Fabio Franz, che collaborano dal 2005 e si laureano nel 2006 presso la Facoltà di Design e Arti della Libera Università di Bolzano.
Nel 2007 Bianca completa un master per Mediatori dei conflitti – Operatori di pace internazionali presso la Facoltà di Scienze dell’Educazione dell’Università di Bologna.
Entrambi hanno frequentato e concluso il master in Communication Art & Design presso il Royal College of Art di Londra. Si occupano di design della comunicazione e sono interessati al valore culturale del design e alla sua capacità di interrogare e interpretare le proprie realtà di appartenenza. Il fine e il contenuto del loro lavoro prende forma durante una prolungata ‘inabitazione’ del luogo e del tempo specifici di un progetto, consentendo un’attenta ed esatta valutazione della situazione, con l’obiettivo di formulare una risposta appropriata ad essa. Nel 2007 pubblicano la guida alternativa Decode Jerusalem. Nel 2008 elaborano progetti per l’iniziativa MUSEION at the EURAC tower e per Manifesta 7 a Fortezza. Inoltre, nel 2008 collaborano con Alessandro Petti, Sandi Hilal ed Eyal Weizman al progetto Decolonizing Architecture a Betlemme. Nel 2010 intraprendono il progetto Department 21,  un dipartimento interdisciplinare al Royal College of Art di Londra.

————-

GruppoWorkshow

Il Gruppo è costituito da artisti di varia natura e formazione professionale. Scopo del gruppo nel loro lavoro è quello di concentrare i vari tipi di arte in un’unica opera servendosi dell’uso di nuove tecnologie o invetandosele per l’occasione.
I componenti del gruppo sono: Davide Totaro, Alessio Chierico, Manuel Buscemi, Giovanni Bedetti e  Marco Triverio.
Per questa installazione collaborerà col gruppo anche  Lorenzo Pinna.

————-

LAB2 (Antonio Altomare, Gianni Cardone, Daniele Muscella, Roberto Picerno)

Gruppo di lavoro, formatosi durante i corsi universitari presso la facoltà di Design e Arti dell’università IUAV di Venezia, che si dedica alla creazione di ambienti interattivi. Le installazioni realizzate dal gruppo cercano di suggestionare e coinvolgere le persone grazie all’utilizzo di differenti stimoli sensoriali, al fine di colpire il pubblico e spingerlo a interagire, sperimentare, conoscere.

prototipo interno from Daniele Muscella on Vimeo.

prototipo esterno from Daniele Muscella on Vimeo.

Antonio Altomare

Nasce nel 1984 a Molfetta, provincia di Bari. Consegue la laurea di primo livello in Industrial e Graphic Design presso il Politecnico di Bari. Ha in seguito lavorato come graphic designer e preso parte a numerosi design workshop come I cograda Design Week con lo studio olandese LUST e con Luciano Perondi presso il Politecnico di Bari. Dal 2009 frequenta il corso di studi magistrale in Comunicazioni visive e multimediali, Facoltà di Design e Arti, presso l’università IUAV di Venezia.

Gianni Cardone

Nasce nel 1983 a Torino. Consegue la laurea di primo livello in Industrial Design presso il Politecnico di Torino. Durante il secondo anno universitario partecipa a un periodo di studio di dieci mesi in Belgio presso Institut Supérieur des Beaux Arts Saint-Luc de Liège. Ha lavorato per due anni come product designer presso la Ferrino S.p.A.. Dal 2006 collabora con lo studio grafico Pera Nera. Nel 2009 fonda Akiratec per lo sviluppo di applicazioni software per smartphone Android. Nello stesso anno inizia il programma di studi magistrali in Comunicazioni visive e multimediali, Facoltà di Design e Arti, presso l’università IUAV di Venezia.

Daniele Muscella

Nasce a Casarano, Puglia. Consegue la laurea di primo livello in Industrial Design presso il Politecnico di Torino. Ha lavorato come product designer per Di Camillo Design & Comunicazione a Torino. Dal 2006 collabora con lo studio grafico Pera Nera. Nel 2009 ha iniziato il suo percorso di studi magistrali in Comunicazioni visive e multimediali, Facoltà di Design e Arti, presso l’università IUAV di Venezia. La sua specializzazione è l’interaction design.

Roberto Picerno

Nasce nel 1984 e cresce in Puglia. Consegue la laurea di primo livello in Graphic Design alla facoltà di Architettura presso il Politecnico di Bari. Il progetto finale TipicoNonTipico consiste nell’ipotesi di creare una nuova identità per le regioni italiane. Ha lavorato come graphic designer freelance durante il periodo di studi e ha partecipato a numerosi workshop di tipografia e video. Nel 2009 ha iniziato il suo percorso di studi magistrali in Comunicazioni visive e multimediali, Facoltà di Design e Arti, presso l’università IUAV di Venezia.

————-

Francesco Liggieri

Nasce il 30 luglio 1981 ad Alessandria e fin dall’infanzia disegna e dipinge. Durante la formazione accademica attraversa le immagini di Picasso e Richter, coniugandone la forza civile e l’attenzione alla figura umana con la sensibilità street e una libertà post-pop ispirate da Haring, Salle e, più recentemente, da Banksy. Laureato a pieni voti presso l’Accademia di Belle Arti di Venezia, dal 2005 partecipa assiduamente a esposizioni e progetti artistici nazionali ed internazionali.

Di recente si dedica ad esperimenti che uniscono pittura e installazione.

like a child

http://vimeo.com/14887281

————-

Martin Romeo

Nasce il 15 febbraio del 1986 a Carrara. Dal 1991 al 1999 vive e risiede in Argentina, Buenos Aires, dove svolge la propria formazione fino al ritorno in Italia, a Trieste, dove conclude gli studi superiori all’istituto d’arte Enrico e Umberto Nordico. Il contesto triestino, ispiratore d’idee, desideri e obbiettivi, spinge l’artista a mostrarsi attraverso il suo lavoro, mediante effetti visivi realizzati dalla luce che prende possesso del corpo umano.
Attualmente frequenta il Corso di Laurea in Arti Visive e dello Spettacolo all’università IUAV, facoltà di Design e Arti, Venezia.

INPUT BODY from martin romeo on Vimeo.

————-

Marco Cecotto

Marco Ceccotto Vive e studia a Trieste. La sua ricerca sul suono si sviluppa in parallelo agli studi in ambito filosofico  ed è attualmente orientata, da una parte, all’esplorazione di paesaggi sonori e dei rapporti tra azione, percezione eambiente in sistemi complessi, e dall’altra, alla creazione di strumenti elettronici autocostruiti e all’utilizzo di FLOSS (Free/Libre/Open Source Software).

FLASHING ‘N SOUNDING STONES from Marco Cecotto on Vimeo.

————-

Circuitozero

REALTA’AUMENTATA. La realtà aumentata AR è la sovrapposizione di livelli informativi all’esperienza reale di tutti i giorni. Gli elementi che “aumentano” la realtà possono essere aggiunti attraverso dispositivi di visione e di ascolto che aggiungono infomazioni alla realtà percepita in sé. Un edificio di valenza storica od architettonica, inserito in un contesto urbano, rappresenta una realtà oltre che percepita, consolidata nella percezione; quasi invisibile, diventato parte della memoria visiva. Il progetto vuole sovrapporre elementi percettivi sull’edificio della Torre del castello di Mestre mediante l’uso di innovative proiezioni, visibili dall’esterno, proprio sulla facciata della torre. Le proiezioni verranno sviluppate con la tecnologia le mapping video, utilizzando l’esterno della torre come schermo di proiezione tridimensionale, animabile, trasformabile. Le proiezioni giocheranno sulla forme e sui volumi, interagendo con gli elementi architettonici propri della struttura edificata, aggiungendo o togliendo luce alle forme preesistenti, così da creare effetti visivi affascinanti e spettacolari. La componente audio, realizzata appositamente per il progetto, aumenterà con il coinvolgimento dell’udito, l’intensità della percezione di modulazione degli oggetti oltre a rendere più reali gli immaginari che ne emergono.

home

Comments are closed.