about

Ph Giulia Filippi

Risulta di rilevante importanza nella seconda edizione, il concetto teorico di relativismo descrittivo per cui un singolo oggetto, nel caso specifico una parte di città, può essere osservato da punti di vista diversi. Tutti derivanti dall’orientamento cognitivo del singolo individuo e considerati tutti ugualmente validi.

Concepita come percorso di avvicinamento alla XV Biennale dei Giovani Artisti dell’Europa e del Mediterraneo (BJCEM) l’investigazione si è orientata su un’area urbana circoscritta individuata per semplice “analogia formale” nell’ottica di poter sperimentare la metodologia di lavoro in contesti urbani differenti.

Nello specifico, la similitudine è stata stabilita fra due arterie di scorrimento interposte fra città ed aree industriali ovvero fra via Libertà a Marghera (Venezia) e l’Avenue de l’Armée Royal a Casablanca.

Le diverse percezioni, riferite all’area d’investigazione, raccolte dal gruppo di lavoro (Valentina Ciarapica, Giulia Filippi, Neill Kidgell, Claudia Rossini, Videotrope), hanno generato quattro opere realizzate secondo linguaggi espressivi eterogenei.

Le opere, filtrate mediante la capacità creativa di tre giovani studi d’architettura emergenti (Clinica Urbana, michielizanatta e Spedstudio) hanno contribuito alla formulazione di visioni e proposte progettuali di rigenerazione del luogo mediante elementi di arredi urbano concepiti secondo la filosofia low budget.

20 Responses to “about”

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.