opere

13 Views of Vega

Valentina Ciarapica e Claudia Rossini

“Perché io non sono nella mia stanza? Perché? Dove sono? Forse sono in viaggio? Questa non è una camera di albergo, questo sembra … ”
13 visualizzazioni di Vega è la storia di uno sguardo … o forse la storia di più sembra piuttosto legato ad un immaginario unico.
L’opera si pone come uno spazio narrativo in modo rappresentativo particolare, quella dettata dal cliché di antologia di fantascienza.
“Guarda. C’è una poesia, non è vero? Non pensi che è valsa la pena? ”
Il progetto sarà girato tra aprile e giugno 2007 a Porto Marghera e modificato nel luglio 2011 a Berlino.
Video hd, colore / suono circa 10 minuti
Italia 2011

Mar gh’era

Giulia Filippi

La zona dell’attuale Porto Marghera era molto paludosa, furono perciò necessari molti interventi iniziali di bonifica, scavo dei canali e creazione delle banchine necessarie per attrezzare la zona come porto. Le attività produttive hanno intensamente interessato l’area, caratterizzandola fortemente e determinandone un cambiamento nonché degrado ambientale impattante. A circa un secolo di distanza l’area si trova nuovamente interessata in un progetto di bonifica del territorio, riguardante i residui delle attività industriali. Il progetto vuole indagare attraverso il territorio i sistemi naturali e artificiali che partecipano a creare la mappa del ciclo di bonifiche che interessa Porto Marghera. Un oggetto, un libro che contiene le  mappe acquee , in carta fustellata, dell’evoluzione di Porto Marghera dal 1887 ad oggi, nei passaggi cruciali di metamorfosi di un paesaggio, di un territorio e del suo utilizzo. Un altro intervento sul luogo sarà una proiezione d’acqua. Pescando l’acqua dalla laguna, passando attraverso un getto da irrigazione tornerà in laguna, simulando un ciclo, creando uno spostamento geografico e atomico.

Cleaned Circle

Neill Kidgell

Un grande cerchio è pulito sulla parete di un edificio fatiscente magazzino, utilizzando un modello di maschera e sabbiatura.
Il lavoro è un’azione, un intervento effimero che coinvolge direttamente con l’ambiente.
L’azione di pulizia e la forma del cerchio sono universali e incarnano l’idea di rinnovamento e di rigenerazione (e, naturalmente, anche molte altre cose).
In questo intervento l’artista si augura che l’opera verrà chiesto di scambio sociale e di rinnovata consapevolezza dei dintorni. Tuttavia, non vi è alcun significato fisso e non è importante che il lavoro è riconosciuto come arte da passanti.
Via delle Industrie
Marghera – Venezia

Kit

Videotrope (Matteo Stocco e Roberto Sartor)

Videotrope propone un evento che affronta uno degli aspetti chiave del progetto Angolazioni Urbane: il passaggio.
Il lavoro mira a focalizzare l’attenzione sui suoni dei pendolari che entrano ed escono nella città di Venezia. Un linguaggio visivo è creato convertendo gli impulsi sonori in impulsi di luce.
Il sito scelto per l’intervento è un cavalcavia pedonale, apparentemente privo di qualsiasi funzione se non quella di attraversare la strada, è in realtà un punto privilegiato di osservazione.
L’impianto funzionerà automaticamente con la tecnologia all’interno di un “kit” valigia, il che rende potenzialmente adatti ad essere installati in altri luoghi.
Sovrappasso pedonale in Via della Libertà
Porto Marghera – Venezia

9 Responses to “opere”

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.